Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
Versione italiano Italiano English Version English Deutsch Version Deutsch Version française Française Versión en español Español
Rete Civica » HOME » Museo del Bigallo » Museo del Bigallo
Stampa la pagina RSS Twitter Facebook

icon_galleryMuseo del Bigallo

Questo edificio è una preziosa testimonianza della storia di Firenze, non solo per la celebre immagine che conserva al suo interno con la più antica veduta della città, ma anche perché fu sede di due antiche istituzioni caritatevoli, la Compagnia della “Misericordia” e del “Bigallo”; due fra le numerose strutture assistenziali e di accoglienza (fra le quali gli Spedali degli Innocenti, di Santa Maria Nova, di San Giovanni di Dio) che, a partire dal XIII secolo caratterizzarono la storia della città.

Quella che oggi viene comunemente chiamata “loggia del Bigallo” è un complesso la cui costruzione fu avviata nel 1352 per ospitare la sede della Compagnia di Santa Maria della Misericordia. Dal 1425 la “Misericordia” venne fusa con la Compagnia del Bigallo e questi ambienti ne costituivano la sede unica fino al 1525, anno in cui avvenne la scissione: la “Misericordia” si trasferì altrove (dal 1576 la sua sede e sull’angolo opposto di via Calzaiuoli) e la Compagnia del Bigallo, rimanendo nella stessa sede, associò definitivamente il proprio nome al complesso della loggia con le case vicine annesse. Entrambe le due compagnie furono fondate nel 1244 da San Pietro Martire, figura che spesso ricorre nelle opere del museo. San Pietro Martire, o Pietro da Verona (Verona 1205 - Milano 1252) fu un celebre predicatore Domenicano, ricordato soprattutto per la sua tenace opposizione alle eresie. Nel 1244 venne inviato a Firenze, dove in Santa Maria Novella comincio la sua fervida attività formando la “Società della Fede" (una sorta di “Sacra Milizia") che, una volta sconfitti gli eretici catari, volse le sue energie verso le opere di carità, dando vita cosi, nel 1244, sia alla Compagnia della Misericordia che a quella del Bigallo. La Venerabile Arciconfraternita della Misericordia, che non ha mai interrotto la sua missione di carità e solidarietà, nacque “con lo scopo di assistere ed accompagnare agli ospedali gli ammalati o le vittime di accidenti e di togliere dalla strada i cadaveri”; di fondamentale importanza il suo contributo nei periodi più difficili della storia della la città: pestilenze, guerre, alluvioni. Il cappuccio, del tradizionale abito nero, copriva Il volto del benefattore poichè il bene doveva essere fatto in forma anonima. La Compagnia Maggiore di Santa Maria del Bigallo ebbe come compito principale l’assistenza ai pellegrini e ai bambini abbandonati e smarriti. Nel 1245 a questa compagnia furono dati in affidamento 12 ospedali (ospizi di accoglienza per i pellegrini). Tra questi il più importante era quello del Bigallo (nei pressi di Bagno a Ripoli, lungo l’antica via Cassia, in localita denominata “bivius galli” - bivio del gallo), nome col quale da allora venne comunemente denominata la Compagnia.

Modalità di fruizione

disable

Parzialmente accessibile. Il marciapiede è raccordato alla strada. Si accede al Museo attraverso una rampa dedicata che conduce all’oratorio (attualmente sede dell’Ufficio Informazioni Turistiche), mentre è necessaria l’assistenza del personale per poter transitare all’interno della seconda sala. Da lì, l’ingresso alla Sala dei Capitani, che ospita l’affresco della Madonna della Misericordia, è possibile solo per carrozzine che misurino non più di 62 cm di larghezza.

Indirizzo

Piazza San Giovanni, 1
T +39 055 288496

Orario

Lun/mar/mer/gio/ven/sab:  visite accompagnate su prenotazione  ore 10.00 - 12.00 e 15.00
Domenica e festivi:                   visite accompagnate su prenotazione  ore 10.00 e 12.00
Prenotazione
T +39 055 288496

Chiuso nei giorni 8 dicembre, 25 dicembre, 1 gennaio

Biglietti

Attualmente il Museo è a ingresso gratuito per tutti

Biglietto intero euro  3,00  
Biglietto ridotto euro  2,00
18-25 anni e studenti universitari
 
Biglietto gratuito   fino a 18 anni
gruppi di studenti e rispettivi insegnanti
guide turistiche e interpreti
disabili e rispettivi accompagnatori
membri ICOM, ICOMOS e ICCROM
   

Scolaresche: necessaria la presentazione dell'elenco dei nominativi su carta intestata della scuola

 

Mappa

 Galleria Rinaldo Carnielo  Museo Stefano Bardini  Forte di Belvedere  Museo di Santa Maria Novella
 Museo di Palazzo Vecchio  Fondazione Salvatore Romano  Cappella Brancacci  Museo Novecento

città di firenze
Comune di Firenze
Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
50122 FIRENZE
P.IVA 01307110484
Privacy
Note Legali
Accessibilità
Licenza Creative Commons

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006