Rete civica del Comune di Firenze
%> <% Versione italiano Italiano English Version English
Rete Civica » HOME » Museo di Palazzo Vecchio » Visita il museo » Sala di Gualdrada
Stampa la pagina Twitter Facebook

Sala di Gualdrada

Secondo la tradizione, la bella fiorentina Gualdrada, vissuta nel XII secolo e ricordata nella Divina Commedia di Dante Alighieri, disobbedì all’ordine del padre di lasciarsi baciare dall’imperatore Ottone IV, in visita a Firenze, obiettando che solo il suo futuro sposo avrebbe potuto farlo. L’episodio qui rappresentato celebra le virtù della purezza e della pudicizia, ma allude anche all’indipendenza della città di Firenze. La relazione tra Gualdrada e Firenze è ribadita dalla decorazione del fregio che rappresenta vedute della città e delle sue feste tradizionali.

1561-1562
Pitture: Giorgio Vasari e Giovanni Stradano, olio su tavola
Cornici: Battista Botticelli, legno e stucco dorato

SOFFITTO
Gualdrada si rifiuta di baciare l’imperatore Ottone IV, con in basso l’allegoria di Firenze
4G. Stradano su disegno di G. Vasari, Gualdrada rifiuta di baciare l’imperatore Ottone IV


città di firenze
Comune di Firenze
Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
50122 FIRENZE
P.IVA 01307110484
Privacy
Note Legali
Accessibilità
Licenza Creative Commons

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006