Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
Versione italiano Italiano English Version English Deutsch Version Deutsch Version française Française Versión en español Español
Rete Civica » HOME » Fondazione Salvatore Romano » Fondazione Salvatore Romano
Stampa la pagina RSS Twitter Facebook

icon_galleryFondazione Salvatore Romano

Il museo ha sede nell’antico Cenacolo del convento eretto a fianco della chiesa di Santo Spirito dai frati eremitani di Sant’Agostino. Questo ampio Refettorio, edificato in stile gotico nel XIV secolo, è l’unico ambiente dell’insigne complesso monumentale di Santo Spirito che conserva la struttura originaria. La sua antica funzione è ricordata dall’imponente affresco trecentesco di Andrea Orcagna e aiuti che ne decora tutta la parete orientale, con in basso frammenti di un’Ultima Cena e in alto una superba Crocifissione animata da un singolare gusto descrittivo. L’affresco è non solo una delle opere migliori dell’Orcagna, ma anche una delle più vaste pitture murali del Trecento giunte fino a noi.

Il Cenacolo ospita le opere donate al Comune di Firenze nel 1946 dal collezionista e antiquario campano Salvatore Romano, una pregiata raccolta di sculture, frammenti di decorazione architettonica, affreschi staccati e arredi, di varia provenienza e di epoca compresa tra l’antica età romana e il XVII secolo. Come previsto dall’atto di donazione, la raccolta conserva ancora oggi il suggestivo allestimento, di gusto ornamentale ed evocativo, che fu realizzato sotto la direzione di Salvatore Romano e, pertanto, rappresenta in primo luogo una testimonianza diretta della particolare sensibilità artistica di questo illustre antiquario che ebbe rapporti con i più importanti collezionisti e direttori di musei stranieri del suo tempo.

Tra le opere più significative figurano un Angelo e una Cariatide di Tino di Camaino, due frammenti di rilievi attribuiti a Donatello e una Madonna con Bambino della cerchia di Jacopo della Quercia.

 

Modalità di fruizione

disable

Si accede al Cenacolo direttamente dalla piazza Santo Spirito, a sinistra della facciata della chiesa. Il museo si sviluppa interamente all'interno del vasto ambiente del Cenacolo.

Il museo è interamente accessibile ai visitatori con disabilità locomotorie.

Indirizzo

P.zza S.Spirito 29
Tel. 055 287043

Orario

Lunedì e sabato   ore 10-17
Domenica              ore 13-17
L'ultimo ingresso è mezz'ora prima della chiusura
Chiuso nei giorni di Capodanno, 7 gennaio, Pasqua, 16 luglio, 15 agosto, 25 dicembre


 

Biglietti

Il Biglietto di questo museo è in vendita presso la Cappella Brancacci    
 
BIGLIETTO CUMULATIVO
Fondazione Salvatore Romano+
Cappella Brancacci 

   La prenotazione della visita alla Cappella Brancacci
è fortemente raccomandata e va effettuata almeno un
giorno prima. Tel. +39 055 2768224 – +39 055 2768558
da lunedì a sabato 9.30-13.00 e 14.00 -17.00, domenica e
festivi 9.30-12.30 - info@muse.comune.fi.it
Intero euro 7,00  
Ridotto euro 5,00 18-25 anni e studenti universitari
Biglietto gratuito   Fino a 18 anni
gruppi di studenti e rispettivi insegnanti
guide turistiche e interpreti
disabili e rispettivi accompagnatori
membri ICOM, ICOMOS e ICCROM
Scolaresche: necessaria la presentazione dell'elenco dei
nominativi su carta intestata della scuola
   

Visite guidate e attività per famiglie
Non Residenti nella città metropolitana, a persona                                                     euro   4,00
Residenti nella città metropolitana, a persona                                                              euro   2,00

Audioguida gratuita


ABBONAMENTO ANNUALE MUSEI CIVICI FIORENTINI
(riservato esclusivamente ai residenti nell'area metropolitana di Firenze)               euro  40,00


Mappa

 Galleria Rinaldo Carnielo  Museo Stefano Bardini  Forte di Belvedere  Museo di Santa Maria Novella
 Museo di Palazzo Vecchio  Fondazione Salvatore Romano  Cappella Brancacci  Museo Novecento

città di firenze
Comune di Firenze
Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
50122 FIRENZE
P.IVA 01307110484
Privacy
Note Legali
Accessibilità
Licenza Creative Commons

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006