Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
Versione italiano Italiano English Version English Deutsch Version Deutsch Version française Française Versión en español Español
Rete Civica » HOME » Museo di Santa Maria Novella
Stampa la pagina RSS Twitter Facebook

icon_gallerySanta Maria Novella

Grazie ad un accordo stipulato fra Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno e il Comune di Firenze, a partire dal 10 novembre 2012 viene istituito il percorso di visita unitario del Complesso monumentale di Santa Maria Novella, che consente di fruire con un unico biglietto della visita alla Basilica e ai Chiostri. Diventa così possibile visitare tutti gli ambienti monumentali senza soluzione di continuità e recuperare la percezione dell’inscindibile unità che caratterizza l’antichissimo insediamento domenicano.
Il percorso museale include sia gli ambienti comunali del Museo di Santa Maria Novella (Chiostro dei Morti, Chiostro Verde, Cappellone degli Spagnoli, Cappella degli Ubriachi e Refettorio), sia quelli gestiti dall’Opera per Santa Maria Novella (Basilica e Cimitero degli Avelli). In occasione di aperture straordinarie sarà inoltre possibile ammirare il magnifico Chiostro Grande, gestito dalla Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri.

Novità ed eventi

29 luglio 2016: Avviso per i visitatori

Per motivi liturgici il termine delle visite sarà alle ore 16.30
Ultimo accesso ore 15.45

Firenze Card #FromFlorenceWithLove

Challenge fotografica
dal 12/05 al 31/10 2016 scatta un selfie con la tua Firenzecard in uno dei 72 musei o monumenti del circuito

Abbonamento Annuale Musei Civici Fiorentini

Riservato esclusivamente ai residenti nell’Area Metropolitana di Firenze
(in vendita presso l'Info Point del Museo di Palazzo vecchio)


» Archivio eventi



città di firenze
Comune di Firenze
Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
50122 FIRENZE
P.IVA 01307110484
Privacy
Note Legali
Accessibilità
Licenza Creative Commons

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006